Contributi economici

Indice

  1. L'impegnativa di cura domiciliare
  2. Contributi economici sociali finanziati dal Comune
  3. Servizi dell'INPS

1. L'impegnativa di cura domiciliare

L'impegnativa di cura domiciliare (ICD) è un contributo erogato per l’assistenza delle persone non autosufficienti al proprio domicilio. Serve ad acquistare direttamente prestazioni di supporto e assistenza nella vita quotidiana, ad integrazione delle attività di assistenza domiciliare dell’ULSS.

La Regione del Veneto ha programmato 5 tipologie di ICD, due delle quali sono accessibili a persone anziane non autosufficienti:

  • ICDb, rivolta a persone non autosufficienti con basso bisogno assistenziale, del valore mensile di 120 euro.
  • ICDm, rivolta a persone con demenza associata a disturbi del comportamento, del valore mensile di 400 euro (che vengono erogati con frequenza trimestrale) ed è volta a “consentire l’aiuto a persone con particolare bisogno di supporto e assistenza in presenza di mobilità conservata o ridotta e di decadimento cognitivo e disturbi del comportamento che ne consentirebbero azioni a rischio dell’incolumità personale e dei conviventi (aggressività) oltre che la fuga (wandering)”. I requisiti per l’accesso sono: la presenza di gravi disturbi del comportamento (punteggio PCOMP = 2 o 3, rilevato con la Scheda per la Valutazione Multidimensionale dell'Anziano-SVaMA semplificata, che viene compilata in sede di UVMD); punteggio NPI “frequenza per gravità” non inferiore a 25 (con punteggio di almeno 9 in almeno 2 dei seguenti 7 disturbi principali: deliri, allucinazioni, agitazione/aggressività, ansia, disinibizione, attività motoria aberrante, disturbi del sonno); punteggio NPI “stress caregiver”: non inferiore a 20 punti. Per accedere al contributo è necessario possedere un ISEE inferiore a 16.700,00 Euro.

Gli utenti di ICDm nel 2018 sono stati 4.644, pari mediamente al 2,2% della popolazione anziana non autosufficiente stimata del Veneto, calcolata secondo la metodologia illustrata al paragrafo 4.3.1. L’età media dei beneficiari è 86,1 anni per le femmine, che costituiscono circa il 75% dell’utenza, e 81,8 anni per i maschi. Nel corso del 2018 sono state chiuse 1.196 impegnative ICDm (25,7% del totale), di cui 652 per decesso (14%) e 377 per ingresso in struttura residenziale (8,1%).

Il primo requisito che va verificato è il possesso di un ISEE socio-sanitario inferiore a 16.700 euro.


Si possono ottenere informazioni presso gli sportelli integrati e gli altri punti di accesso della rete dei servizi (sportelli dei Servizi sociali dei Comuni o di altri enti delegati, sportelli del Distretto Socio Sanitario). Presso gli stessi sportelli possono presentare la domanda i diretti interessati, i familiari o le persone che ne hanno la rappresentanza.


La valutazione di non autosufficienza è compiuta dall'assistente sociale e dal medico di famiglia per l'ICDb e dall'Unità di valutazione del Distretto per l'ICDm. Per quest'ultima è necessaria la valutazione neurologica dei disturbi del comportamento (che il CDCD avrà già effettuato). L’accesso all'ICD avviene dopo il riconoscimento dell’idoneità e lo scorrimento di graduatoria, il cui punteggio è formulato sulla base della gravità del bisogno e dell'ISEE.

NB. Diversamente dall'indennità di accompagnamento dell’INPS, l'erogazione dell'ICD avviene sulla base di una graduatoria, ed è pertanto possibile risultare idonei al contributo senza tuttavia ottenerlo.


Per ulteriori informazioni clicca qui.

2. Contributi economici sociali finanziati dal Comune

Ogni Comune ha le proprie regole per l'assegnazione di contributi sociali. Valuta la tua situazione con l'assistente sociale o con gli operatori dei Servizi sociali del tuo Comune.


3. Servizi dell'INPS

Da questo collegamento al sito dell'INPS sono filtrate tutte le prestazioni relative a Persone con disabilità e invalidità (Ciechi, Disabili, Invalidi, Sordi, Persone con malattie e difficoltà di salute) e Disabilità e inabilità (Sostegno a persone con disabilità che hanno già lavorato o prestato servizio, Sostegno agli invalidi civili, Sostegno a persone con disabilità e in condizioni di reddito ridotto, Sostegno a persone cieche, Sostegno a persone sorde, Familiari disabili)